Sempre più Spazio nel CMM

NASA space Italy
11/12/2017 Dopo lo sviluppo della tecnologia di realizzazione dei rivelatori per AMS e la seguente loro produzione (2002), il Centro Materiali e Microsistemi ha mantenuto e ampliato la sua attenzione sulla componentistica per lo Spazio.

Oggi, oltre ai sensori di AMS, sono operativi anche i sensori che controllano i propulsori dei satelliti Gaia e Lisa Pathfinder, mentre sono pronti i grandi rivelatori (chip da 100 cm2 di area) per Limadou, esperimento ​incluso nella collaborazione tra l’agenzia spaziale cinese e quella italiana che andrà nello spazio nei prossimi mesi. La maturità di questa presenza nel settore spaziale ha portato alla sigla di un accordo quadro FBK-ASI all’interno del quale ora sarà affidato al CMM un finanziamento per il perfezionamento del più grande rilevatore al mondo di raggi X per studi astrofisici. Inoltre, nell’ambito di un recente bando nazionale, su un totale di 10 progetti approvati da ASI, CMM si è aggiudicato il finanziamento di tre progetti, in due quale capofila e nel terzo come partner. Si viene così a consolidare per FBK-CMM un ruolo di rilevanza in questo settore strategico, ruolo giocato anche grazie alla preziosa collaborazione con importanti istituti di ricerca nazionali quali l’INAF e l’INFN.