FBK per la Sostenibilità

FBK aderisce all’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), nata con lo scopo di realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

La Fondazione Bruno Kessler, attraverso i sui centri ICT (Centro per le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), CMM (Centro Materiali e Microsistemi) e l’Istituto per la Ricerca Valutativa sulle Politiche Pubbliche (IRVAPP), attua da tempo progetti e iniziative che ricadono nell’ambito dello sviluppo sostenibile; ha quindi deciso di aderire all’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), una realtà che riunisce attualmente oltre 160 tra le principali organizzazioni della società civile italiana

I gruppi di lavoro all’interno dell’ASviS ai quali FBK partecipa sono:

  • Salute, per garantire le condizioni di salute e il benessere per tutti a tutte le età con l’Unità di ricerca e-Health.
  • Istruzione, per offrire un’educazione di qualità, inclusiva e paritaria e promuovere le opportunità di apprendimento durante la vita per tutti con l’IRVAPP.
  • Energia, per assicurare l’accesso all’energia pulita, a buon mercato e sostenibile per tutti con l’Unità di ricerca ARES (Applied Research on Energy System) del CMM.

—–

La missione dell’Alleanza è quella di far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile, mettendo in rete i soggetti che si occupano già di aspetti specifici ricompresi negli SDGs (Obiettivi di Sviluppo Sostenibile/Sustainable Development Goals – SDGs nell’acronimo inglese). Lo scopo è di favorire lo sviluppo di una cultura della sostenibilità a tutti i livelli, orientando i modelli di produzione e di consumo, analizzare le implicazioni e le opportunità per l’Italia legate all’Agenda per lo sviluppo sostenibile – Agenda 2030 (dalla lotta alla povertà a quelle contro i cambiamenti climatici e tutte le forme di disuguaglianza, dall’impegno per l’innovazione, l’occupazione e l’educazione di qualità alla tutela dell’ambiente), contribuire alla definizione di una strategia italiana per il conseguimento degli SDGs (anche utilizzando strumenti analitici e previsivi che aiutino la definizione di politiche per lo sviluppo sostenibile) e alla realizzazione di un sistema di monitoraggio dei progressi dell’Italia verso gli SDGs.